ortoedintorni presenta ortaggi e varietà insolite – parte prima – Il fagiolo metro

Con questo post ne apriamo una serie sugli ortaggi insoliti: cominciamo con una leguminosa, il Vigna Unguiculata subsp. sesquipedalis

Il magnifico fagiolo metro detto anche fagiolo asparago o stringa è stata una nuova introduzione nell’orto di quest’anno, all’interno dei bancali sinergici. Abbiamo attuato una semina a scalare a partire da aprile, in vaschette, per poi essere messi in campo circa due settimane dopo. Sono cresciuti bene, con performance molto diverse a seconda del momento della semina/trapianto: in particolare le semine più precoci hanno prodotto meglio, piante più alte e produttive. Non abbiamo attuato praticamente trattamenti (a parte una passata di piretro, per le cimici). Ci sono state settimane in cui quasi non si riusciva a mangiarli tutti. Le piante diventano parecchio alte e sono cresciute arrampicandosi agli archi dell’orto sinergico, fino ad arrivare alla cima degli stessi, sono state aiutate solo inizialmente con qualche legatura.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Pianta di fagiolini metro si arrampica sugli archi

 

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Consigliamo di raccogliere i baccelli sui 15-20 cm. perché più lunghi diventano un pochino fibrosi e possono formare il “filo”. Le piante  diventano alte almeno due metri e mezzo quindi in mancanza di archi bisogna pensare a dei tutori. Questa pianta potrebbe adattarsi bene allo stile capanna indiana. La coltivazione è semplice: una volta indirizzati ad arrampicarsi sui sostegni vanno avanti praticamente da soli.

 

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

raccolta di fagiolini metro, molto più lunghi di 15-20 cm, accanto a pomodori

 

Due ulteriori note positive:  le limacce e lumache non li assaggiano neanche, reggono meglio il caldo dei fagioli normali e quindi si possono coltivare lungo tutta l’estate anche in pianura.

Ed ora una nota sul sapore, delizioso se i fagiolini vengono raccolti giovani e teneri. Ma ora vogliamo proporre una ricetta utilizzabile anche se si raccolgono i fagiolini più lunghi e fibrosi.

Fagiolini metro sott’olio

Ingredienti: 500 g. di fagiolini, un cucchiaio di sale, aceto circa 200 ml., olio, aglio e peperoncino (facoltativi)

Preparazione:

Mettere a scaldare una pentola con un litro d’acqua. Nel frattempo pulire i fagiolini togliendone le due estremità e, nel caso siano troppo lunghi e grossi, tagliarli in pezzi di 5-6 cm. Quando l’acqua bolle aggiungere il sale e l’aceto ed i fagiolini tagliati. Bollire per circa 5 minuti e scolare. Quindi lasciare asciugare i fagiolini su un canovaccio pulito per qualche ora, finché non saranno asciutti. Non preoccupatevi se a questo punto assaggiandoli non vi sembrino cotti. Metterli in un barattolo, precedentemente sterilizzato, insieme all’aglio e il peperoncino e ricoprire tutto d’olio. Successivamente bollire il barattolo chiuso per mezz’ora per creare condizioni di sottovuoto, e terminare, in questa maniera, la cottura dei fagiolini.

GV (foto AV)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...